soglia di attenzione

sabato 19 gennaio 2008

Psicodrammi mastelliani

Un commento, colto bloggando in giro, sulle recenti peripezie mastelliane mi ha fatto notare una cosa che mi era sfuggita. A molti, credo. Nella sua sofferta e commovente dichiarazione di dimissioni da ministro, Mastella ha detto che sceglieva tra l’amore per la famiglia e il “potere”, non tra l’amore e la “politica”, questa strana cosa che ha il bene comune come fine, la felicità della polis. Notevole, veramente notevole. Il punto è che non era nemmeno un lapsus. Era esattamente quello che voleva dire.

(leggi anche qui)

Nessun commento:

Cari amici vicini e lontani

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione.