soglia di attenzione

giovedì 27 marzo 2008

continuità

"Ho visto alla televisione per qualche istante la sala in cui erano riuniti in consiglio i potenti democristiani che da circa trent'anni ci governano. Dalle bocche di quei vecchi uomini, ossessivamente uguali a se stessi, non usciva una sola parola che avesse qualche relazione con ciò che noi viviamo e conosciamo. Sembravano dei ricoverati che da trent'anni abitassero un universo concentrazionario: c'era qualcosa di morto anche nella loro stessa autorità, il cui sentimento, comunque, spirava ancora dai loro corpi."

Pier Paolo Pasolini

"Corriere della Sera", 18 febbraio 1975; poi in Scritti corsari, Milano, Garzanti, p. 135.

8 commenti:

Beppone ha detto...

Non terrorizza il fatto che sia così attuale oggi?

s·l ha detto...

bravo beppone! ...stavamo, io e il nostro s|a, precisamente commentando la straordinaria contemporaneità di Pier Paolo Pasolini proprio nei termini in cui ne parla Giorgio Agamben in "Che cos'è il contemporaneo" (Nottetempo, 2008).

lector in fabula ha detto...

A Pasolini avrebbero dovuto affidare la regia di "Todo modo", al posto di Petri. Ne sarebbe uscito senz'altro un capolavoro, con attori come Volontè e Ingrassia a disposizione...

s|a ha detto...

@Beppone: un sacco di cose ancora attuali oggi terrorizzano. Per esempio, durante il cosidetto "boom" di fine anni 50 primi 60 gli stipendi italiani erano i più bassi d'Europa. Anche questo mi ricorda qualcosa...

@s·l: vada per "la straordinaria contemporaneità di Pier Paolo Pasolini", però "proprio nei termini in cui ne parla Giorgio Agamben" lo dicevi tu, perché quel libretto non l'ho ancora letto.

@lector in fabula: e purtroppo non ho ancora visto neanche "Todo modo" (ignoranza grassa) malgrado ce l'abbia anche da mesi nell'hard disc... Mentre leggevo quelle righe di Pasolini pensavo invece a un documentario di quegli anni recentemente riedito in dvd, "Forza Italia!" di Roberto Faenza. Da vedere.

s·l ha detto...

@s|a: se non l'hai ancora letto ti consiglio di andare a vedere l'ultima goccia di s·l...

s|a ha detto...

@s·l: l'ho già commentata... fantastico come sempre.
:-)

Aditus ha detto...

Ho visto alla televisione per qualche istante la sala in cui erano riuniti in consiglio i potenti che da circa sessant'anni ci governano. Dalle bocche di quei vecchi uomini, ossessivamente uguali a se stessi, non usciva una sola parola che avesse qualche relazione con ciò che noi viviamo e conosciamo. Sembravano dei ricoverati che da sessant'anni abitassero un universo concentrazionario: c'era qualcosa di morto anche nella loro stessa autorità, il cui sentimento, comunque, spirava ancora dai loro corpi.

s|a ha detto...

@aditus: "continuità", in effetti...
;-)

Cari amici vicini e lontani

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattarmi per chiederne la rimozione.